SUMMER OPEN SEA KAYAK EXPEDITION...

... un altro lungo viaggio in Grecia...
prima le coste occidentali delle Isole Ioniche... quelle che più ci sono piaciute nei viaggi precedenti, e poi il periplo del Peloponneso.
Per noi è un viaggio aperto, sia per il tempo a disposizione che per altri kayaker che si vorranno unire a noi.
Partiremo ai primi di maggio e contiamo di finire entro settembre. Controllando la posizione che regolarmente pubblicheremo
sul blog e su Facebook, sarà possibile raggiungerci in ogni momento per far parte della squadra.
Tatiana e Mauro


Please use the translator on the left.
We're paddling most of the day and we don't have enough time to translate every single post...
We're confident you understand our position!

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

mercoledì 1 novembre 2017

Due viaggi in due ore...

Toni è sempre stato un grande amico con cui abbiamo condiviso molti bei momenti, in kayak e nella vita. Ci ha sempre legato una forte passione per il kayak da mare ed è da tempo che speriamo di riprendere a pagaiare insieme.
Presso la sede torinese dell'Associazione Nazionale Marinai d'Italia, Toni ha saputo negli anni dare vita al circolo Qajait, un vivace centro di formazione per il kayak da mare, unico nel suo genere in una città lambita dal più grande fiume d'Italia ma molto distante dal mare.
Toni è infatti un istruttore qualificato e motivato, tanto da riuscire sempre a coinvolgere decine di allievi nelle sue numerose uscite didattiche. E' anche un profondo cultore della storia della marineria italiana, un'attenta sentinella ambientale lungo gli argini cittadini del fiume Po ed anche uno dei più lungimiranti tessitori di un dialogo proficuo e costruttivo con le varie entità della Guardia Costiera, in Italia e non solo.

La consegna della graditissima targa ANMI!
L'inizio della presentazione...
Gli amici presenti in sala...
Una delle fotografie condite di aneddoti di viaggio,,,
La lettera di presentazione della giornata che ci ha molto emozionato!

Tra le tante manifestazioni che prendono vita sotto la sua infaticabile guida, è stata inserita anche una mattinata di presentazioni dei nostri ultimi due viaggi in kayak da mare lungo le coste greche, quello del 2016 alle Isole Cicladi e per la prima volta anche quello del 2017 alle Isole Ioniche e al Peloponneso.
E' stato con grande piacere che abbiamo accettato il suo invito a Torino, ma non avremmo mai potuto immaginare che l'accoglienza sarebbe stata tanto calorosa ed emozionante: non solo abbiamo trascorso una lunga serata rilassante a chiacchierare del nostro prossimo futuro ma abbiamo anche riempito la mattina del sabato con una serie di incontri interessanti con vecchi e nuovi amici di kayak.
Toni ci ha poi sorpreso ancora una volta con l'omaggio davvero fuori dal comune del Cres dell'ANMI di Torino, oltre che con una lettera di presentazione che ci ha fatto molto piacere... Le fotografie dei viaggi sono state proiettate per un paio d'ore tra le domande del pubblico, che sono continuate anche durante il pranzo nella sala di rappresentanza del circolo, affacciata sul fiume, illuminata dal sole e riscaldata dal sorriso dei presenti...
Una giornata molto speciale di cui ringraziamo ancora una volta il nostro caro amico Toni!

mercoledì 13 settembre 2017

Diamo i numeri!

Come sempre, alla fine di ogni viaggio, ci mettiamo a dare i numeri!
Stavolta l'abbiamo fatto sulla via del ritorno, quando il traghetto ballava in alto mare.
Abbiamo ripassato il diario di viaggio e ci siamo resi conto di tante cose alle quali non avevamo fatto caso durante i quattro mesi campeggio nautico.
Siamo stati molto fortunati con il tempo meteorologico ed abbiamo affrontato poche giornate di mare mosso. Per la prima volta, però, abbiamo sospeso il viaggio per otto giorni per andare a salutare il nostro amico scozzese Henry...
Questo ultimo viaggio è stato caratterizzato da numerosi incontri speciali con tanti nuovi amici di kayak e non solo. Senza di loro e senza il tempo trascorso insieme tutto sarebbe stato molto diverso e sicuramente molto meno interessante...
Sotto le due fotografie, che ritraggono la mappa del Peloponneso con tutte le tappe giornaliere del nostro ultimo viaggio estivo, diamo i numeri:


119 giorni di viaggio
20 giorni di sosta di cui 5 per il corso di kayak a Lefkada
99 giorni di navigazione con vento da 0 a 6 Beaufort e mare da 0 a 5 Douglass
2175 km totali pagaiati di cui:
826 km intorno alle Isole Ioniche
1349 km intorno al Peloponneso ed isole satelliti
6 km la tappa più corta
36 km la tappa più lunga
18 isole visitate
22 traversate tra le isole
1 km la traversata più corta
28 km la traversata più lunga
213 km totali di traversate
156 km percorsi a piedi (88 nelle Ioniche e 68 nel Peloponneso)
70 taverne (più che alle Isole Cicladi!)
3 pacchi di preziosi ritrovamenti (di cui 2 spediti a casa per posta)
1 gps disperso in mare
1 forbice e 2 thermos trovati in spiaggia
1 giro in quad a Cefalonia
1 giro in scooter a Zante
3 giri in auto con l'amico Manolis
1 incontro ravvicinato con un serpente
3 millepiedi anfibi avvistati
6 delfini proprio l'ultimo giorno di navigazione
decine di tartarughe marine e centinaia di meduse
5200 fotografie scattate
tantissimi nuovi amici di kayak e non solo!

domenica 10 settembre 2017

Incontri interessanti fino all'ultimo giorno di viaggio...

Mercoledì 6 settembre 2017- 115° giorno di viaggio
Arkoudi - Paralia Lechena (25 km)
Vento NW 10-12 nodi (F3-4) - mare poco mosso  - 25°C
Puntiamo la sveglia alle sette per tentare di battere sul tempo il vento che da ieri non ne vuole sapere di calare.
Prima delle otto del mattino, però, non usciamo dalla tenda perchè là fuori fa freddo e tira sempre vento forte.
Provare a difendersi dalla sabbia che si infiltra in ogni cosa è impresa titanica ed inutile: la sabbia è ovunque.
Oggi la baia non è più battuta dai frangenti della burrasca e la calma regna sovrana: per uscire non abbiamo più bisogno di attendere il momento giusto o di passare negli unici trenta metri senza onde. Oggi la baia è piatta come uno specchio. Solo la baia, però, perchè appena fuori dalla barriera di scogli che la proteggono dal vento imperante, il mare è ancora tutto in movimento. Ci toccano dieci chilometri controvento.
Ci ricordiamo bene questo tratto di costa, pieno di spiagge di sabbia chiara e fine dotate tutte di stabilimenti balneari ancora in piena attività, qualche scogliera di arenaria e una manciata di scogli sparsi qua e là. L'acqua è di un bel colore verde smeraldo e come a fine giugno, quando siamo passati da queste parti per la prima volta, è talmente trasparente che le decine di meduse che galleggiano appena sotto la superficie sembrano non già nuotare ma piuttosto volare intorno ai nostri due kayak. Si vedono alla perfezione le rughe del fondale sabbioso e l'ombra dei Voyager crea dei giochi di chiaro-scuro molto curiosi, quasi ipnotici.
Per un momento, stanchi di pagaiare controvento, pensiamo di fare una sosta sull'isolino che si staglia all'ingresso del porto di Killini: sotto al suo bel faro di mattoni scuri e di greche bianche si apre una piccola spiaggetta in cui sarebbe bello restare qualche minuto al riparo dal vento. Poi invece prevale il desiderio di proseguire oltre il capo, per sfruttare il vento che dal mascone è passato finalmente al giardinetto, e di tagliare anche il piccolo golfo di Killini, per approfittare di un raro momento in cui i traghetti non entrano e non escono dal porto. Vediamo con soddisfazione il gps segnare i 7 chilometri orari: siamo nelle condizioni ideali per "macinare" un po' di chilometri per accorciare queste tappe di trasferimento verso Patrasso.
Arriviamo all'ingresso del piccolo porticciolo turistico di Paralia Lechena quando il vento rinforza così tanto da imbiancare di nuovo tutto il mare intorno a noi: le onde sono cresciute al punto da ricoprire i ponti dei nostri kayak e da rendere la navigazione più bagnata di quanto avessimo preventivato. Inoltre, visto che tutto questo tratto di costa è basso e sabbioso, con fondali leggermente digradanti, verso riva si forma subito una lunghissima zona surf che, se il mare continua a crescere, potrebbe rendere lo sbarco alquanto impegnativo. Scegliamo allora la soluzione più indolore: entrare in porto e sbarcare sullo scivolo di cemento. Mai scelta fu migliore di questa!
Il porto di Paralia Lechena è uno di quelli costruiti di recente con i finanziamenti della Comunità Europea. Non è mai stato terminato e salvo per la parata di lampioni che lo illuminano a giorno, anche durante il giorno, non ha altri servizi: nè acqua potabile, nè bagni pubblici, nè tanto meno uffici della Guardia Costiera. C'è solo un grande spiazzo di cemento antistante il porto, protetto da due dighe foranee costruite nel solito modo sbagliato, quella a L che finisce esattamente all'altezza dell'altra, cioè sempre troppo corta per evitare che la sabbia spostata dalle correnti ostruisca l'ingresso del bacino. Così il porto si insabbia: la barca a vela battente bandiera francese è lì ancorata al molo da due anni, quando è entrata l'ingresso era agibile, ora non riesce più ad uscire perchè il fondale è salito a 1.2 metri, troppo basso per il suo pescaggio di 1.8 metri! Servirebbe un dragaggio con una gru, che pure è stato fatto l'anno passato ma che è durato il tempo di una notte e che è stato subito annullato dalla prima mareggiata. Senza lasciare il tempo alla barca a vela francese di prendere il largo. Bisognerà chiamare un'altra volta la gru, oppure accettare la sorte di vivere il porto come in una prigione a cielo aperto.
Tutte queste cose ce le racconta Dominique, il mozzo della vela che scende a parlare con noi non appena mettiamo piede sullo scivolo del porto. E' molto loquace e molto simpatico; con le sue 5-6 lingue mescolate, tra francese, greco, spagnolo, portoghese ed italiano riesce ad imbastire una conversazione con Mauro che va avanti per tutto il pomeriggio.
Io intanto vado a "grufolare" sulla spiaggia.
Con la costruzione del porto al centro di questo lungo litorale sabbioso, la spiaggia a nord è scomparsa mentre quella a sud aumenta a vista d'occhio, di due metri ogni anno. Questo me lo racconta Spiros, il simpatico vecchietto che mi saluta mentre raccolgo alcuni ossi di seppia perfettamente conservati (perfetti per la mia collezione di pescetti!). Mi dice di entrare per fare due chiacchiere e io torno ai kayak per invitare anche Mauro. La veranda di Spiros è un luogo magico: aperta sul mare, a due passi dal mare, ha tutte le vetrate che si riempiono di mare. Specialmente in serate come questa, quando il vento gonfia il mare di onde spumeggianti che staresti delle ore a guardare. E noi passiamo il resto della serata a guardare il mare, le onde ed il tramonto del sole tra le isole di Cefalonia e di Zante, allungate proprio di fronte alla veranda di Spiros. Che continua a chiederci cose e a raccontarci cose: vuole sapere se lavoriamo, se siamo sposati, se abbiamo figli, se siamo credenti, se vogliamo qualcosa da bere. Rispondiamo di no a tutte le sue domande, tranne all'ultima: ci offre subito una birra ghiacciata e una limonata greca che è tra le mie bibite preferite. E poi continua a spiegarci come ha costruito la sua casa, la sua "sweet home" come ripete più volte: "it's illegal", ci dice, come tutte le altre 220 casette costruite lungo i due chilometri di costa attorno al nuovo porto di Paralia Lechena. Solo che le case abusive c'erano già prima del porto, da oltre vent'anni, e non sono mai state abbattute come in altri tratti del litorale sabbioso del Peloponneso: sono state invece dotate dei servizi minimi come acqua, luce e nettezza urbana (non abbiamo capito se possono contare anche sull'allaccio del gas, poco diffuso qui in Grecia, ma c'è sicuramente la connessione internet!). Anche il sindaco del paese ha una casa lì al mare, e anche il Pope. Proprio accanto alla chiesetta costruita davanti alla taverna. Perchè c'è anche una taverna, nel paese cresciuto abusivamente sul mare.
Al sentire pronunciare la parola "taverna" ci si illuminano gli occhi, a Mauro e a me: Spiros capisce che siamo affamati e noi gli spieghiamo che quando siamo in navigazione pranziamo "solo" con una barretta di pasteli, il dolce tipico greco di sesamo e miele, e che all'arrivo della sera ci sale una fame da lupi. Proviamo ad invitarlo a mangiare fuori insieme a noi ma ci dice di non poter uscire per via della gamba malferma (e della dieta ferrea a cui l'ha costretto il medico!). Lo salutiamo controvoglia e ci incamminiamo lungo la spiaggia alla ricerca della nostra taverna insperata: ci troviamo Dominque, il mozzo francese, che ci invita a sedere al suo stesso tavolo. E le chiacchiere continuano in franco-italiano fino a notte fonda!

Il vento ha scavato la sabbia intorno al nostro campo ad Arkoudi...
Una sosta prima di Killini...
La costa verso Killini...

Giovedì 7 settembre 2017 - 116° giorno di viaggio
Paralia Lechena - Paralia Kaloghiria (23 km)
Vento NW 8-10 nodi (F3) - mare poco mosso - 25°C
Dormiamo all'ombra di una siepe dietro una della casette abusive davanti al porto.
A parte i cani che sulle prime ci hanno ringhiato ed abbaiato, ma che poi hanno capito che eravamo amici e non hanno più smesso di scodinzolare (tanto che due hanno dormito davanti all'ingresso della nostra tendina come a volerci fare la guardia), la notte è stata una delle più lunghe e soporifere dell'intero viaggio, con la luna piena ad illuminare il campo di pomodori accanto e a proiettare ombre di foglie mosse dal vento (instancabile e inarrestabile!). Ci svegliamo alle nove passate, tanto nessuno sembra fare caso a noi.
Dominique è già sul molo che ci aspetta per la prima colazione: lo invitiamo a bere un succo di frutta, l'unica cosa che abbiamo da offrire, ma ci risponde sdegnato che lui non beve certe cose. Poi Mauro si ricorda di avere ancora una scorta di grappa: e Dominique accetta all'istante! E così le chiacchiere riprendono fino all'ora di pranzo. Chissà se riusciremo mai a lasciare questo porticciolo pieno di belle persone.
Dominique vive in Grecia da sette anni: in Francia, ci spiega, ha una pensione talmente ridotta che arriverebbe si e no a metà mese, qui invece riesce a barcamenarsi con qualche lavoretto coi pescatori del posto, qualche baratto di pesce in cambio di olio ed ortaggi, qualche acquisto di tabacco locale non trattato e "smerciato" in piccole buste di plastica. Qui, continua, si conoscono tutti, non ci sono furti, c'è una corruzione dilagante che però non si vede, si può vivere con poco e sono tutti cordiali e disponibili. In Francia non è più così da tanto tempo, forse anche in Italia: qui in Grecia sembra di vivere indietro nel tempo di quarant'anni. Dominique vive sulla barca a vela rimasta prigioniera nel porto perchè s'è insabbiato l'ingresso: aspetta che il proprietario si rimetta in salute e venga a dargli il cambio per poter tornare in Francia a far visita alla sorella, al fratello e alla compagna ma... già pensa di tornare subito indietro e di comprare una casette tra le 220 abusive (comprare? ma se sono tutte illegali! Ma si, certo, non fa niente: si vendono e si comprano come fossero case "normali"!) e di continuare a vivere in questo piccolo paradiso. Me oui, ici c'est le paradise!
Passiamo a salutare Spiros: gli lasciamo la copia della rivista greca Panorama che ci aveva regalato Manolis perchè è il numero in cui hanno pubblicato il racconto di venti pagine fitte di fotografie spettacolari del suo giro invernale del Peloponneso. Spiros guarda le foto e finalmente capisce che cos'è un kayak: "io ho sempre avuto un motoscafo, ma in mare con una barca così stretta non ci andrei mai", ci dice deciso col suo inglese fluente (perchè Spiros ha vissuto 45 anni in Australia, dove ha lasciato una moglie divorziata e due figli quarantenni: ma è sempre tornato in Grecia per le vacanze estive, tutti gli anni almeno uno o due mesi all'anno, tanto che non si è mai sentito davvero un emigrante, ci dice emozionato!). E non ci andrei neanche oggi che il vento è meno forte di ieri, ci apostrofa paterno. Noi invece gli spieghiamo che questo è il mare che preferiamo. "Vi scrivo di sicuro, io non ce l'ho ma il mio vicino di casa ha internet, spero di potervi incontrare ancora quando tornerete in Grecia il prossimo anno!".
Salutiamo e partiamo.
E la giornata non ci riserva molto altro.
La costa è bassa, anonima, punteggiate di casette abusive, di qualche tratto di duna con belle pinete retrostanti.
Poi arriva il capo roccioso sormontato da una chiesetta e da un sito archeologico che ricordavamo bene: dietro si nasconde un vecchio villaggio abbandonato ed una sorta di campeggio libero organizzato tra i pini marittimi. Sbarchiamo contenti di rimettere piede in un posto conosciuto.

L'arrivo al porto di Paralia Lechena...
Lo spettacolo delle ombre cinesi nella nostra tendina...
Mauro insieme a Dominique!
Tatiana insieme a Spiros!

Venerdì 8 settembre 2017 - 117° giorno di viaggio
Paralia Kaloghiria - Paralia Kato Achea (31 km)
Vento NW 8-10 nodi (F3) - mare poco mosso - 25°C
Altra giornata di trasferimento.
Niente da dire se non che il vento ci accompagna fin dentro al Golfo di Patrasso.
L'imbarco è un po' ostacolato dalla posidonia che si infila sotto tutti gli elastici e le cime dei ponti.
C'è ancora l'acqua verde smeraldo, i fondali sabbiosi e le meduse che si lasciano trasportare dalla corrente.
C'è una lunga spiaggia deserta sormontata da una folta pineta protetta da una zona di riserva naturale.
C'è anche la foce di un fiume che scivola in mare accanto ad una delle dune più alte che ci sia mai capitato di vedere.
Ma il cielo è coperto e noi cominciamo a chiederci se arriveremo mai a Patrasso.
Senza mai sbarcare sgranocchiamo la nostra barretta in kayak ed aspettiamo di avvistare un luogo adatto per il campo.
Alla fine, entriamo nel malandato porto di Paralia Kato Achea, il primo che vediamo così rigonfio di pescherecci pronti a salpare.
Ci chiediamo perchè mai i porti nuovi vantino appena qualche motoscafo mentre quelli in cui lavorano così tanti pescatori sono tra i più trasandati del paese: questo non ha una diga foranea che si possa definire tale, ma giusto una massicciata gettata in mare per proteggere in qualche modo l'ingresso, non ha la luce verde, che però scoviamo poco dopo spiaggiata ben oltre la bocca di porto, e non ha nessuna banchina, tanto che i pescherecci sono ancorati uno accanto all'altro anche in terza e quarta fila.
Noi scoviamo un triangolino di spiaggia nera e sporca accanto ad un gozzo tirato in secca per gli stagionali lavori di restauro. E' sicuramente il luogo di sbarco più angusto di tutto il viaggio. Ma appena oltre il cantiere navale fa capolino una bella taverna in cui chiudiamo in bellezza la giornata.

Comodità a Paralia Kaloghiria...
Lo sbarco angusto al porto di Paralia Kato Achea...
L'ultimo giorno di navigazione...

Sabato 9 settembre 2017 - 118° giorno di viaggio
Paralia Kato Achea - Patrasso (21 km)
Vento 5-6 nodi (F2) - mare calmo - 25°C
Eccoci arrivati all'ultimo giorno di navigazione.
Patrasso è là, avvolta dalla foschia dell'umidità.
Stamattina pioviggina, poi in mare piove a dirotto. Ma esce anche il sole, quando il vento riprende a soffiare con vigore.
Sembra che il nostro viaggio debba concludersi proprio sotto una giornata uggiosa, di quelle che racchiudono le quattro stagioni in poche ore.
La costa è grigia e le montagne a stento si intravedono dietro la coltre nuvolosa, il mare prende la sua tonalità nero petrolio e non cambia più.
Dopo una breve sosta al chilometro 15, per sgranocchiare la nostra ultima barretta di sesamo e miele, ci avviamo veloci verso il porto di Patrasso.
Quando siamo passati di qua la prima volta, avevamo individuato un comodo punto di sbarco che subito abbiamo soprannominato il "putridume", uno slargo appena fuori dal porto in cui è sorto una specie di cantiere navale. C'è un rimorchiatore ormai arrugginito ancorato alla banchina, pure rugginosa, ed una vecchia pilotina tirata in secca sugli invasi. Poi nient'altro, salvo un paio di furgoni scassati ed un capannone pieno di non si capisce bene cosa. Ricordiamo che l'odore dell'acqua era nauseante, per non dire del colore, e temiamo di trovare il "putridume" in condizioni ancora peggiori. Invece forse il gioco di correnti ci fa buon gioco: oggi l'acqua sembra di sorgente, in confronto a quella del primo giorno di luglio!
Sbarchiamo sulla sabbia nera e appiccicosa, tiriamo in secca i kayak usando una gomma di automobile dimenticata nei paraggi, e cominciamo guardinghi le operazioni di smontaggio dei kayak. Compare d'un tratto quello che crediamo essere il guardiano del posto: gli sorridiamo, ci sorride, gli chiediamo se possiamo lasciare i kayak sul molo e dormire la notte qui accanto. "Nè, tipota", ci risponde: certo, non c'è problema. Come sono disponibili ed ospitali i greci, sempre!
Andiamo a comprare i biglietti, per essere sicuri di avere un posto sul traghetto di domani.
Festeggiamo la chiusura del viaggio con una birra ed un caffè nel bar della stazione marittima e poi aspettiamo che faccia buio per montare la nostra casa per una notte. Per l'ultima notte. In una notte che non sembra mai diventare tale. Qui in città la notte non è mai davvero buia. Patrasso è tutta illuminata dalle luci delle strade e delle case ed il chiarore la ricopre come in una di quelle palle di vetro che quando le giri sottosopra cade la neve. Anche quando il sole scompare gettandosi in mare, il bagliore serale della città regale una visibilità per noi del tutto insolita. Il nuovo porto è illuminato a giorno da una sfilza di lampioni che sparano una luce gialla e pesante, che penetra non solo nella tenda ma anche sotto le palpebre... sarà una notte lunga e faticosa, per via degli effluvi provenienti dal vicino stabilimento (che non abbiamo capito se è una raffineria oppure una distilleria!), del continuo borbottio dei macchinari che riempiono l'aria di una cantilena simile ad una risacca ininterrotta e del rumore assordante dei tir che continuano a passare a velocità sostenuta sul vicinissimo cavalcavia. Duro il ritorno alla vita di città!

Il campo al "putridume"!
All'ingresso del porto nuovo c'è da anni questo vecchio barcone a cui siamo ormai molto affezionati...
La graditissima visita di Panos: a presto!

Domenica 10 settembre 2017 - 119° giorno di viaggio
Patrasso - Patrasso (0 km)
Vento variabile - mare calmo - 25°C
Ecco fatto: abbiamo finito il viaggio.
Anche se dobbiamo ancora prendere il traghetto da Patrasso per Bari, dove arriveremo domattina intorno a mezzogiorno (sempre che la compagnia greca non accumuli il solito ritardo interplanetario!), e poi tornare da Bari a Latina con la Mauromobile che Lucia e Raffaele, i nostri amici "chauffeures per un giorno", si sono incaricati di riportarci fino al porto pugliese. Insomma, alla fine il viaggio finirà lunedì sera a casa del Mammut, e forse non del tutto ancora, perchè chissà quando riusciremo a tornare a casa nostra a Legnano...
E mentre aspettiamo che si faccia l'ora dell'imbarco ecco una nuova sorpresa: Panaghiotis passa a salutarci!
Abbiamo conosciuto Panos lo scorso 1° luglio, quando eravamo passati da Patrasso la prima volta ed avevamo campeggiato in una bella spiaggetta attrezzata proprio alle porte della città. I nostri due piccoli panfili avevano attirato l'attenzione dei bagnanti e Panos ci aveva avvicinato per farci qualche domanda. Il suo italiano fluente e forbito, quasi del tutto privo di inflessione straniera, ci aveva incuriosito e le domande erano presto diventate incrociate: lui chiedeva dei kayak, noi chiedevamo della Grecia. Siamo rimasti in contatto durante questi ultimi due mesi e ora che siamo tornati in città ecco che il nostro nuovo amico greco torna a farci visita. La stazione marittima è molto distante dal centro della città e oggi che è domenica scarseggiano anche i mezzi di trasporto pubblici: ma lui arriva col pulman di linea, sorridente e allegro.
Pranziamo insieme chiacchierando fitto fitto per le tre ore successive, di Grecia e di Italia, di somiglianze e di differenze, di tradizioni e di contraddizioni. Panos ha una prima laurea in teologia e dopo essere venuto in Italia per imparare la lingua sta per prendere la seconda laurea in italianistica: è curioso di conoscere e capire la realtà italiana quanto noi lo siamo di scoprire quella greca, così non facciamo altro che scambiarci informazioni su tutto, scrittori, politici, eventi storici passati e presenti. E' un bel parlare, che ci tiene legati alla nostra amata Grecia fino all'ultimo.
Facciamo fatica a staccarci da questo paese che sentiamo ormai come una nostra seconda casa.
Sappiamo che non è un addio, che torneremo presto, molto presto, anche prima della prossima estate, ma ci lasciamo un pezzetto di cuore.
La Grecia di cui parlano in televisione, quella della crisi economica e politica, quella degli scontri nelle manifestazioni di piazza, quella delle file davanti agli sportelli bancari, noi non l'abbiamo incontrata. Tutti ci hanno sempre detto che Atene, la capitale con oltre due milioni di abitanti, vive da sempre in una condizione molto più difficile e disagiata del resto del paese. Nel Peloponneso, come anche nelle Isole Ioniche pochi mesi prima e nelle Isole Cicladi la scorsa estate, noi abbiamo trovato un clima disteso, rilassato, allegro. Certo si capisce da molti particolari, piccoli e grandi, che il paese non vive una condizione agiata: molti alberghi e ristoranti hanno chiuso, a riprova che il turismo non può da solo sostenere l'economia nazionale, molti giovani hanno lavori precari e stagionali, molti altri hanno visto gli stipendi ridotti e le tasse aumentate. E' anche vero che non fanno la raccolta differenziata, non usano il casco neanche in autostrada e fumano ancora tutti nei locali pubblici... E' un paese ricco di contraddizioni, come tanti altri paesi, forse tutti. Ma questa Grecia ci ha sedotto e conquistato: è il paese delle persone più accoglienti ed ospitali che ci sia mai capitato di incontrare, è il paese in cui convivono in armonia e pace religioni diverse come la cristiana, l'ortodossa e la islamica, è il paese dove vivono e lavorano europei, arabi e mediorientali in una realtà multietnica che dovrebbe fare scuola in Europa. La Grecia, da sempre culla della civiltà, ci ha dimostrato di esserlo ancor di più ai giorni nostri, il paese alle porte dell'Europa che rappresenta un ponte non solo ideale ma anche pratico e concreto tra Oriente ed Occidente, dove culture e razze si mescolano in libertà...
Ne parliamo ancora con Panos, prima di avventurarci sotto il sole cocente verso l'ingresso del porto, presidiato come tutti i porti greci: dobbiamo evitare le ronde della guardia costiera che cerca di impedire ai migranti di imbarcarsi come clandestini su uno dei tanti traghetti ancorati al molo e dobbiamo trascinare i nostri due piccoli panfili sui loro rispettivi carrellini prima fin laggiù al varco di accesso e poi indietro fino alla nostra nave... un'ultima sfacchinata prima di riposare tutti, noi ed i kayak, nella pancia del traghetto per Bari.
Lasciamo la Grecia sapendo di ritornarci presto!

martedì 5 settembre 2017

Che fatica completare il periplo del Peloponneso!

Giovedì 31 agosto 2017 - 109° giorno di viaggio
Lagouvardos - Kyparissia (26 km)
Vento NW 12-15 nodi (F4) - mare mosso - 28°C
Ci svegliamo in un nuovo giorno.
Il temporale di ieri con grandine e trombe d'aria non ha lasciato alcuna traccia.
Il mare che si era macchiato di terra, ora è tornato a brillare di un bel verde smeraldo; il cielo che si era tinto di grigio, ora è tornato a splendere di un bel blu intenso. Il vento ha pulito l'aria e l'acqua. I colori delle piante sono caldi e corposi, come sempre dopo un acquazzone, e la spiaggia ha ancora una tonalità scura, dovuta alla pioggia che l'ha intrisa d'acqua e frescura.
E' un piacere svegliarsi sotto i tre ginepri che così bene ieri ci hanno protetto dal mal tempo e che ancora meglio stamattina ci proteggono dal sole cocente. Nell'aria si respira la fine incipiente della stagione estiva, ma il disco solare continua imperterrito a fare il suo mestiere: alle nove del mattino è già tutto asciutto, compresa la nostra tenda.
Uno dei due stabilimenti balneari ha riaperto i battenti dopo la chiusura forzata per la mancanza di energia elettrica: ci facciamo preparare due caffè frappè, i più buoni tra tutti quelli che abbiamo sin'ora gustato in giro per il Peloponneso.
Impieghiamo un po' più del solito a ripulire i gavoni ed il pozzetto dalla sabbia fine che si è infilata ovunque, persino dentro le sacche stagne e le custodie della mappa e del pannello solare, ma alla fine abbiamo la meglio: è tutto pronto per affrontare un'altra giornata di vento contrario.
La costa adesso è tutta uguale, sempre bassa e rocciosa, di questi scogli traforati come all'uncinetto, per la violenza con cui l'acqua e l'aria li hanno lavorati nel tempo: lo scalino roccioso però non nasconde più le case, le ville e gli alberghi che sorgono disordinati oltre la strada costiera.
E' forse il tratto di costa meno interessante di tutto il Peloponneso.
Fortuna che c'è il mare: lungo la costa rocciosa si rincorrono una serie di secche insidiose che ci costringono a tenere sempre d'occhio le onde.
In alcuni punti gli scogli semi-sommersi sono ben visibili perchè il loro colore giallo intenso fa cambiare tonalità all'acqua: basta modificare di poco la rotta per evitare di piantarci sopra gli scafi dei Voyager. In altri casi, invece, quando le onde frangenti sono grandi abbastanza da ricoprire tutto di un'uniforme bianco spumeggiante, allora bisogna prestare maggiore attenzione ed in più di un'occasione siamo costretti a prendere una distanza di sicurezza dai bassi fondali rocciosi. E' tutto così, oggi, uno zigzagare lento ed attento lungo una costa lineare ed insignificante.
Non ci sono sbarchi possibili per i primi dieci chilometri, salvo una piccola spiaggetta formatasi alla radice di un porticciolo artificiale che contiene si e no tre caicchi colorati. Non ci sembra quasi possibile che, tra queste scogliere taglienti ed appuntite si possa aprire una spiaggia. Eppure è così: la troviamo dove doveva essere, la piccola cala di Stomio, larga abbastanza da ospitare uno stabilimento balneare che la ricopre di ombrelloni di paglia e così rientrata rispetto alla linea della costa che hanno costruito due scalinate in pietra per poterla raggiungere da terra. Noi sbarchiamo tra gli sguardi sbalorditi di tutti i bagnanti: c'è un dumping di un metro buono e non appena usciamo dal pozzetto scompariamo tra le onde. Bagno fatto: adesso è il momento della barretta energetica. Una breve pausa di mezz'ora ci è sufficiente per riprendere il mare: anche l'imbarco offre spettacolo perchè dobbiamo girare i kayak di prua (lo scalino della spiaggia è talmente alto che preferiamo farlo una volta in acqua) e dobbiamo attendere che passi il treno d'onde più corposo prima di poter saltare in groppa ai Voyager. Insieme a noi entra nel pozzetto anche qualche litro d'acqua di troppo e prima di ricominciare a pagaiare dobbiamo zatterarci per usare la pompa di sentina a mano: l'asciugatura dura poco, perchè ormai i nostri paraspruzzi sembrano delle spugne per i piatti!
Dopo cinque chilometri abbiamo la fortuna di incontrare un altro porticciolo, Agrilis, questo un po' più grande del precedente ma molto più miserevole perchè l'ingresso è incoronato da secche su ogni lato: quando entriamo al galoppo, capita di nuovo che si girino tutti a guardarci con tanto d'occhi. Qui la pausa è ancora più breve, Mauro neanche sbarca: io svuoto il pozzetto una seconda volta e sono pronta a tornare in mare aperto, lontano dalle secche, come ci suggerisce a bracciate ampie e decise anche il pescatore sul molo. Il porticciolo di Agrilis è tutto dipinto di celeste e ha una sirenetta celeste che accoglie i naviganti a braccia aperte: sembra fare il paio perfetto con l'albergo che abbiamo da poco passato, con le guglie rosse come i castelli delle fate e con un gigantesco cavallo bianco affiancato da due figure altrettanto imponenti che non si capisca bene a cosa servano.
Il mare nel frattempo è cresciuto, tanto e bene.
La piccola lavatrice che durante la tarda mattinata ci offriva una certa spinta per risalire il vento, nel primo pomeriggio è diventata così nervosa che dobbiamo non solo allontanarci ancora di più dalla costa ma anche prestare un'attenzione crescente alle onde. Ora sono alte un metro e più, alcune morbide sollevano i kayak e li depositano poco più avanti, altre invece dispettose si arricciolano proprio sulle prue e sembrano voler ostacolare il nostro passaggio, altre ancora più corpose ci precipitano addosso e non c'è verso di evitarle. Guardo Mauro che in un paio di occasioni è costretto ad uno dei suoi appoggi alti da manuale e rimango sempre ammirata dalla sua capacità di prevedere e di contenere gli assalti del mare. Io mi limito a saltellare qua e là, cercando di anticipare i frangenti per non vedermeli caracollare in testa e... mica sempre ci riesco!
Poi qualcosa cambia all'improvviso, non capiamo se nella costa che diventa ancora più bassa oppure nei fondali che sono forse tutti sabbiosi: sta di fatto che la nostra velocità di crociera passa dai 2 ai 3 nodi in uno schiocco di dita e l'ultima ora possiamo "recuperare" un po' di strada e raggiungere il grande porto sovradimensionato di Kyparissia, gigantesco ma privo di luci di segnalazione all'ingresso. La diga foranea spezzata nel punto esatto in cui è stata prolungata verso nord ci fa capire che qui il mare, quando si arrabbia, è capace di combinare disastri. Sbarchiamo sull'unico scivolo disponibile, ricoperto di alghe e strane foglioline verdi, forse di una siepe che qualcuno ha tagliato nei paraggi.
C'è una taverna proprio davanti al porto, e anche un mini-market. La serata è segnata.

Il castello delle fate nei pressi del porticciolo di Argilis...
Appena oltre l'isolino di Proti...
Il porto danneggiato di Kyparissia

Venerdì 1°settembre 2017 - 110° giorno di viaggio
Kyparissia - Aghios Nikolaos (28 km)
Vento NW 5-6 nodi (F2) - mare poco mosso - 27°C
Dobbiamo accontentarci di una palma.
Montiamo la tenda in porto all'ombra di una palma: all'ombra notturna, perchè ci fa scudo rispetto al doppio lampione che spara luce gialla nel pieno della notte. Al mattino, invece, niente ombra: il sole sorge da dietro i monti della bella cittadina di Kyparissia e infuoca la nostra tendina già alle otto del mattino.
Abbiamo mangiato così bene ieri sera che stamattina torniamo a fare colazione nella stessa taverna, che è anche caffè e ouzeri. Ma è chiusa. L'inizio del mese di settembre segna anche la fine di molte attività turistiche legate alla stagione estiva. Cerchiamo un altro bar lungo il porto ma sono tutti chiusi: per la prima volta ci ritroviamo a fare colazione in albergo, davanti alla piscina già invasa dai bambini. Il buffet è ricco e Mauro pazienta il tempo necessario per farmi fare il pieno di calorie: yogurt col miele, torte di carote e di sesamo, panzerotti fritti col miele e... basta, sennò finisce, come mi dice sempre lui, che non riesco più ad entrare nel pozzetto del mio Voyager!
Mentre ieri non c'erano sbarchi possibili se non ogni dieci chilometri, oggi ci sono oltre trenta chilometri di sbarchi fattibili (e anche domani sarà lo stesso!): la lunga spiaggia di sabbia dove vengono a deporre le uova le tartarughe marine si estende da Kyparissia fino a Katakolo, sessanta chilometri più a nord.
Dal sito di Archelon, l'associazione che dal 1983 si occupa di proteggere le tartarughe marine, scopriamo un sacco di cose interessanti che ancora non sapevamo: tipo che le tartarughe sono contemporanee dei dinosauri ma che a differenza di questi ultimi non si sono estinte fino ai giorni nostri (anche se ora rischiano l'estinzione per la difficile convivenza con gli esser umani); che possono rimanere anche per sei ore sott'acqua senza avere bisogno di uscire per respirare; che le femmine tornano a riva per deporre le uova ogni due anni, mentre i maschi non spiaggiano mai per tutta la vita; che dei giovani esemplari si sa poco: dopo l'uscita dal nido e la corsa sulla spiaggia per raggiungere l'acqua, nuotano freneticamente verso il mare aperto per i primi giorni di vita e poi si lasciano trasportare dalle correnti. Dove? Non si sa con precisione. Si è scoperto solo che prima di tornare a deporre le uova, le tartarughe marine si nutrono prima di plancton e di altri organismi marini, poi da adulte anche di meduse, molluschi, spugne, alghe e ricci marini. Nuotano senza fretta, incapaci di eseguire movimenti veloci: sono la quinta essenza della lentezza.
Grazie al sito articolato ed aggiornato di Archelon, approfondiamo anche la nostra conoscenza delle tartarughe Caretta caretta: le femmine depongono le uova di notte, scavando buche profonde con la coda e le zampe posteriori, ma possono anche lasciare la spiaggia prescelta se vengono disturbate o se ci sono troppe luci nei dintorni; durante la cova, producono un liquido simile alle "lacrime", che le aiuta a lubrificare gli occhi e a proteggersi dalla sabbia; depongono dalle 50 alle 120 uova, che impiegano dalle 7 alle 10 settimane per aprirsi; i piccoli ci mettono dai 2 ai 4 giorni per salire in superficie ed escono dal nido solo di notte o di primo mattino, quando il sole non è così forte da intorpidirli, ed iniziano così la loro lotta per la sopravvivenza. I nidi rischiano di essere distrutti dal vento, dalla pioggia o dal freddo (oltre che dalle innaturali alte maree oppure dalla sempre più frequente erosione costiera!), le uova di essere predate da cani, volpi e sciacalli, i piccoli di essere mangiati da gabbiani, cormorani e corvi, in acqua poi possono essere divorati da pesci di grandi taglie come gli squali. Insomma, una vita difficile! Però una cova di 110 uova può "produrre" una prima schiusa tra le 35 e le 50 uova, seguita dopo un breve periodo compreso tra i 2 ed i 10 giorni da altre 2-3 schiuse tra le 5 e le 20 uova... un continuo flusso di piccoli che aspettano che si liberi lo strato superiore di sabbia per uscire all'aria aperta e tentare la corsa verso il mare. Tutti questi dati ci aiutano a capire che si tratta di animali davvero speciali, minacciati sempre più dall'uomo: il centro di ricerca di Archelon cura circa 50 esemplari ogni anno, tra quelli che vengono trovati in mare con amputazioni provocate dalle reti da pesca o dalle eliche dei motori o con lesioni procurate intenzionalmente dagli stessi pescatori, ed alcune tartarughe devono essere curate per avere ingerito buste di plastica o altre schifezze che l'uomo butta in mare e che le tartarughe, miopi benchè dotate di un senso dell'olfatto sviluppato, scambiano per cibo prelibato! Inoltre, i volontari di Archelon monitorano i nidi e li proteggono con un moderno sistema molto ingegnoso: non più i tre piedi di legno per segnalarli che vedevamo negli anni passati, ma un rete metallica a maglia larga per tenere fuori i predatori e far uscire i piccoli, ancorata con delle canne spiaggiate infilate nella sabbia con un'inclinazione alternata per resistere al forte vento (in una maniera per me molto "artistica" e per Mauro semplicemente funzionale!), sempre segnalati con un cartellino metallico o plastificato che nella maggior parte dei casi riporta anche la data della cova.
Io resto ammaliata da tutte queste informazioni e le racconto a Mauro durante la nostra lunga, lenta e (quasi) noiosa pagaiata odierna.
La spiaggia di Kyparissia, specie nel suo tratto meridionale tra il paese di Kalo Nero e la foce del fiume Neda, dove stiamo pagaiando proprio ora, è il sito di nidificazione delle tartarughe marine più importante del Mediterraneo dopo quello dell'isola di Zante, con il numero record di 870 nidi all'anno!
Dal kayak vediamo decine di nidi segnalati e protetti: sono l'unico diversivo che ci offre la costa. Per il resto sabbia, dune e pinete. Secche e surf per l'intera giornata. Fortuna che il vento è molto meno intenso di ieri, altrimenti sai che dolori!
Riusciamo a tenere una buona andatura, a sbarcare per una breve sosta all'altezza di una pineta incantevole, e a proseguire senza scambiare una parola fino alle sette di sera: montiamo la tenda in spiaggia, davanti ad un vecchio campeggio abbandonato che nel frattempo è stato occupato da punk-a-bestia e tedeschi in vena di far festa... tramonto sul mare con cena spicciola e nanna già alle nove!

In navigazione lungo la costa nord-occidentale del Peloponneso... 
La lunga spiaggia di sabbia tra Kyparissia e Pyrgos...
L'imbarco studiato ad Aghios Nikolaos...

Sabato 2 settembre 2017 - 111° giorno di viaggio
Aghios Nikolaos - Foce fiume Alfios (24 km)
Vento NW 6-8 nodi (F2-3) - mare poco mosso - 27°C
Abbiamo dovuto tirantare la tenda ai kayak perchè il vento non è calato neanche di sera.
Al mattino c'è appena una brezza e la sabbia non si infila più nei gavoni.
Quando la spiaggia comincia ad animarsi noi leviamo il campo.
Per uscire dalla zona di surf impieghiamo quasi venti minuti, in attesa che il treno di onde diventi meno alto e frequente. I fondali sabbiosi e digradanti sono disseminati di secche ed ovunque si formano onde lunghe e bianche che da ieri ci impensierivano un po'. Dopo l'imbarco dobbiamo zatterarci per svuotare i pozzetti dall'acqua e per togliere la sabbia dai sandali e dal seggiolino.
Veniamo subito ripagati dalla fatica con l'incontro ravvicinato con una tartaruga gigantesca: la prima che non tira mai fuori la testa dall'acqua e che si limita a girarsi di spalle quando i kayak sono troppo vicini. Una tartaruga intenta a fare snorkeling! Pensiamo non si tratti di un esemplare di Caretta caretta perchè il carapace, rivestito di incrostazioni, sembra di una forma e di un colore leggermente differenti, ma non riusciamo a scovare informazioni precise, neanche sul sito di Archelon, che pure menziona due specie diverse che pare nidifichino nel Mediterraneo. Pazienza, rimarremo col dubbio. Ma con la grande soddisfazione di avere navigato per qualche lungo minuto in compagnia di una tartaruga che non ha mostrato il minimo fastidio o timore per la nostra presenza. Durante il resto della giornata ne avvistiamo altre quattro, due a testa, a turno, ma non facciamo mai in tempo ad indicarle all'altro che tutte si nascondono tra le onde e si immergono verso il fondo. E' la giornata dell'avvistamento delle tartarughe marine, ma le incontriamo sempre quando si muovono in direzione opposta alla nostra, e così si accorgono prima loro di noi di quanto noi non riusciamo ad accorgerci di loro.
La lunga spiaggia di sabbia oggi è molto meno interessante, con un lago retro-dunale di oltre quattro chilometri e poi con oltre dieci chilometri di casette fantasma: costruite troppo vicino al mare, sono state distrutte dalle mareggiate e ora mostrano le pareti screpolate, i tetti crollati, le verande divelte, le scalinate sospese e le finestre aperte sul nulla. E' uno spettacolo che immalinconisce.
Per sbarcare senza romperci l'osso del collo tra i frangenti spumeggianti scegliamo di risalire un breve tratto della foce del fiume Alfios, il fiume più grande tra quelli che segnano la lunga spiaggia di sabbia tra Kyparissia e Pyrgos. La corrente contraria è talmente forte che quando per un momento smetto di pagaiare mi ritrovo a correre all'indietro alla velocità segnata dal gps di 5.4 chilometri orari: i nostri due kayak sembrano non avanzare di un millimetro e per risalire quei pochi metri impieghiamo un'eternità. Per non rischiare di essere traversati dal turbolento movimento dell'acqua, che alla foce sobolle come una pentola sul fuoco e che si incrocia con le onde del mare in un movimento identico a quello delle correnti di marea, dobbiamo esibirci anche in un paio di "traghetti" ed inclinare lo scafo per spostarci da una sponda all'altra del fiume senza essere spinti fuori.
Qui tutti pescano con la rete rotonda, quella che si deve lanciare a raggiera in acqua e che si ritira lentamente: il terzo pescatore in cerata di tela e giaccone invernale accanto al quale ci ritroviamo a pagaiare in maniera forsennata attende soltanto che passi Mauro, poi mostra segni di impazienza e getta la rete proprio davanti alla prua del mio kayak, costringendomi ad un altro "traghetto" improvviso, accompagnato da un sorriso stentato. Quando la ritira è vuota, come le volte precedenti, e ci chiediamo quanto possa essere davvero soddisfacente questo tipo di pesca dalla riva.
Dopo una decina di minuti di navigazione controcorrente riusciamo finalmente a coprire la brevissima distanza tra la foce ed il nostro campo base, contenti di avere trovato un luogo tanto insolito (e sporco!) ma almeno senza onde frangenti ad impensierire lo sbarco della sera e l'imbarco della mattina dopo. L'acqua è fredda e maleodorante, la spiaggia appena oltre la foce è ricoperta di canne e di bottiglie di plastica, a cui viene dato ripetutamente fuoco dai pescatori che occupano la zona vivendo in piccole palafitte di legno. Quella più vicina al nostro campo si riempie di gattini rossi quando il pescatore si fa vivo al tramonto: sfama i gatti e disseta i canoisti, offrendo a Mauro una bottiglia di vino rosso che è un piacere mandare giù!

Le casette fantasma verso Pyrgos...
Il campo sulla riva meridionale del fiume Alfios...

Domenica 3 settembre 2017 - 112° giorno di viaggio
Foce fiume Alfios - Palouki (33 km)
Vento SW 5-6 nodi (F2) poi NW 15-18 nodi (F4-5) - mare da calmo a mosso - 28°C
Il pescatore che ieri sera ci ha regalato uno bottiglia di vino, stamattina ci offre anche due bottiglie di acqua fresca.
Usciamo dalla foce del fiume con la corrente a favore e non dobbiamo tribolare come abbiamo fatto ieri per entrare.
Appena fuori dalla foce troviamo corrente e vento a favore e quasi non riusciamo a crederci: le previsioni annunciavano vento da nord-ovest, come al solito, mentre con questa brezza da sud riusciamo a mantenere una velocità costante di sette chilometri orari (quasi doppia rispetto a ieri!) che in tre ore esatte ci porta a doppiare il capo. Siamo contenti di lasciarci alle spalle il lungo litorale sabbioso che unisce Kyparissia a Pyrgos, ancora sormontato da case fantasma e anche peggio, da interi paesi cresciuti sulla spiaggia e col tempo mangiati dalle mareggiate: qui hanno creato delle barriere di protezione delle case che non sono ancora crollate usando le macerie di quelle che invece hanno ceduto. E' uno spettacolo ancora più malinconico di quello di ieri... Però devono esserci state delle mareggiata notevoli, così forti e ripetute da far arretrare la linea della spiaggia di qualche centinaio di metri, perchè anche i nostri due gps segnalano che noi stiamo pagaiando non già in mare ma sulla terra ferma!
Il porto di Katakolo è sovradimensionato come quello di Kyparissia, ma forse qui approdano le navi da crociera che portano i turisti a visitare la vicina città greca di Olimpia e questo è forse l'unico porto ingigantito a ragion veduta (di molti altri non sappiamo spiegarci la ragione!)
Meno male che a distrarci dalla monotonia del paesaggio costiero ci pensa il mare: avvistiamo altre due tartarughe di notevoli dimensioni, sul capo giochiamo con una piccola ma evidente corrente di marea ed appena oltre incrociamo centinaia di meduse lattiginose che si lasciano trasportare di qua e di là. Appena oltre Akrotiri Katakolo ci rifacciamo gli occhi con le basse scogliere di arenaria giallo-ocra e rosso-mattone, anche se pure qua ci sono case dappertutto, ma almeno sono ben tenute. Facciamo una breve sosta in una piccola spiaggia ai piedi di un locale abbandonato e riprendiamo subito dopo con l'intento di raggiungere il porticciolo di Palouki, perchè se il vento cresce e cambia direzione non vogliamo trovarci ancora tra i frangenti, nè allo sbarco di stasera nè all'imbarco di domattina.
Sembra che Eolo stia ascoltando i nostri discorsi: il vento si alza, contrario, e rinforza.
Tanto che per coprire gli ultimi quattro chilometri impieghiamo la bellezza di un'ora piena.
Per entrare nel porto facciamo fatica: ci sono onde frangenti che entrano insieme a noi ed appena oltre la diga foranea troviamo l'ingresso ostruito da massi semi-sommersi, segnalati in maniera approssimativa da canne infilate nel fondale e sormontate da bottiglie di plastica vuote e rovesciate. Questi greci hanno un rapporto davvero peculiare coi loro porti: ci pescano dentro ma non rimuovono le barche che dentro ci sono affondante.
Noi sbarchiamo sull'unico scivolo di cemento (ricoperto di sabbia!) e tiriamo i nostri due piccoli panfili in secca adagiandoli accanto ad un piccolo panfilo vero e proprio. Il tramonto ci ricorda che comincia a fare fresco: il vento non accenna a calare e trovare un posto per montare la tenda non sarà facile. Ci pensiamo dopo. Adesso ci prepariamo per andare a cena in taverna: sul mare!

Appena oltre Akrotiri Katakolo...
Il porto di Palouki...

Lunedì 4 settembre 2017 - 113° giorno di viaggio
Palouki - Arkoudi (23 km)
Vento NW 18-21 nodi (F5) in aumento - mare da poco mosso a molto mosso - 26°C
Notte corta e tribolata: il vento ha sbatacchiato a lungo la nostra povera tendina e non ci ha fatto dormire sonni tranquilli.
Facciamo colazione al bar sul mare con un doppio caffè frappè: ci servono energie per risalire controvento gli ultimi venti chilometri.
Ultimi perchè se riusciamo a pagaiare tutto il giorno controvento, stasera raggiungiamo il punto in cui abbiamo iniziato il periplo del Peloponneso. Ci eravamo arrivati dopo la traversata dall'isola di Zante un paio di mesi fa, il 26 giugno scorso per l'esattezza. Ci torniamo oggi che tutto sembra congiurare contro di noi.
Il vento è annunciato in direzione contraria alla nostra rotta, in aumento dal primo pomeriggio e con raffiche superiori ai trenta chilometri orari.
Non lo sappiamo ancora ma sarà questa la giornata più lunga e faticosa di tutto il viaggio.
Mauro non è contento: pagaiare controvento lungo una spiaggia di sabbia è "la morte spirituale del kayak da mare", dice. La morte cerebrale, aggiungo io, perchè le onde frangenti, molto più alte e frequenti e minacciose dei giorni precedenti, non ci permettono neanche di prendere in considerazione l'ipotesi di sbarcare. Manca poco che litighiamo, l'Uomo di Ferro ed io, perchè lui sembra sempre impassibile, qualunque cosa gli succeda attorno, io subisco molto di più l'assalto delle avverse condizioni meteo-marine.
Dopo 18 chilometri controvento, rischio di dare di matto: non ne posso più di pagaiare e voglio solo sbarcare.
Sappiamo che c'è un porticciolo riparato nel paesino costiero di Ioniko ma non riusciamo a vederlo fino a quando non ci si para davanti la folta schiera di motoscafi ancorati dietro alla corta ed "artigianale" diga foranea, che sembra reggere a fatica gli assalti del mare. Mauro si avventura per primo a cercare lo scivolo, io lo perdo di vista, tra le onde frangenti ed i motoscafi all'ancora. Mi sento perduta, senza di lui. Aumento l'andatura e dopo pochi minuti lo ritrovo sulla banchina del molo, intento a svuotare il pozzetto ormai ricolmo d'acqua. Anch'io ho il kayak pieno d'acqua: i paraspruzzi sono ormai arrivati alla fine del viaggio, con qualche giorno di anticipo sulla vera fine del viaggio, però.
Tiriamo in secca i kayak con qualche difficoltà, dovuta sia alla (mia) stanchezza che alla carenza di qualsivoglia pezzetto di legno che possa facilitare lo scivolamento degli scafi su una superficie morbida e levigata piuttosto che sul cemento irregolare e bitorzoluto dello scivolo. Nel frattempo, due pescatori locali tirano in secca uno dei motoscafi all'ancora e nel risalire col carrello trainato dal fuoristrada strusciano pesantemente sulla prua del mio amato Voyager. Ci mancava solo questo per atterrare definitivamente la mia povera psiche.
Devo riprendermi: la giornata non è ancora finita.
Per distrarmi, provo a dare seguito al suggerimento del Mammut di rientrare in Italia non già dalla lontana Patrasso (distante ancora 4-5 giorni di navigazione, tutti controvento!) ma dalla vicina isola di Zante (che il forte vento avvicina come fosse a portata di mano!): cerco i traghetti ed i possibili collegamenti dal Peloponneso, dal piccolo porto di Killini situato una decina di chilometri più a nord (tutti sempre controvento, ma almeno sarebbero gli ultimi!). Ci sono traghetti ogni due ore che collegano il Peloponneso all'isola di Zante, ma poi c'è un ultimo traghetto per l'Italia che parte giusto domani pomeriggio. L'ultimo della stagione. Non riusciremmo a prenderlo neanche correndo contro il tempo. Considerando poi sugli orari del tutto indicativi dei traghetti greci, meno puntuali di quelli italiani, sarebbe un vero azzardo. Ed una scorciatoia. Che Eolo non ci lascia percorrere. Ci richiama all'ordine e al lavoro. E alla fatica.
Ci mancano gli ultimi cinque chilometri per raggiungere Arkoudi e chiudere il periplo del Peloponneso.
Cinque chilometri controvento che ci richiedono la bellezza di due ore piene, dalle sei alle otto di sera.
Per due ore mi chiedo perchè mai ci siamo rimessi in mare, perchè ci siamo incaponiti con l'idea di chiudere il periplo proprio oggi, perchè non ce ne siamo rimasti a terra ad aspettare che il vento calasse, magari montando la tenda sul molo di cemento del piccolo ed inospitale porticciolo di Ioniko... Ma perchè ci siamo imbarcati con questo mare e questo vento?
Le onde crescono ogni momento di più, insieme alle raffiche che ormai striano di bianco tutto il mare all'intorno e tutto il canale tra il Peloponneso e Zante. Le onde crescono fino a due metri, poi anche fino a tre metri, crescono e coprono il sole, adesso che il sole sta calando proprio dietro l'isola di Zante. Le montagne d'acqua sembrano ancora più minacciose al tramonto perchè diventano scure e nere come la paura. Che riesco a tenere a bada solo concentrandomi sui frangenti illuminati dagli ultimi raggi del sole, così lucidi e trasparenti da sembrare finti. E invece sono veri. E alti. Sempre più alti. Così alti che nascondono la costa e ci tolgono anche gli ultimi riferimenti a terra per capire se avanziamo e di quanto avanziamo. Non avanziamo granché, a dire il vero: ogni volta che poso lo sguardo sul gps e l'incipiente oscurità mi lascia intravedere la velocità di crociera, sullo schermo appaiono sempre e solo due numeri: 0.0! Non avanziamo di un millimetro. In realtà procediamo a 2.5 chilometri orari, una miseria, ma io non riesco mai ad intercettare questa indicazione e mi deprimo. Che fatica!
Ero già stanca prima di ripartire dal porticciolo di Ioniko, adesso non sono più soltanto stanca, sono esausta.
Mauro è davanti a me e mi indica la rotta migliore da seguire tra tutte queste montagne d'acqua. Ad un certo punto mi rendo conto che gli sto scattando delle fotografie: allora vuol dire che non sono poi del tutto spossata, posso ancora trovare qualche residuo di energie per arrivare fino alla fine. Ma la fine ancora non si vede. Il capo è lontano, laggiù dietro a quelle onde. Laggiù dietro a quel treno d'onde infinito. Laggiù dietro a quelle secche continue e minacciose.
Per un attimo penso di non farcela, ad entrare in quel turbinio di frangenti alti come una casa.
Poi Mauro mi sprona e mi dice "vai avanti tu!". Sa che non riesco a sopportare l'idea di vederlo andare su e giù su quelle onde impazzite senza perdere quel poco di lucidità mentale che mi rimane: mi suggerisce di fargli strada per farmi stare tranquilla, almeno non ho la sua immagine che sobbalza tra i marosi e che mi anticipa la sorte a cui io stessa dovrò andare incontro. Seguo il suo suggerimento: lo precedo nella piccola baia di Arkoudi. Me la ricordo benissimo da due mesi prima: non è cambiato niente, la spiaggia a mezza luna, le casette ed i ristoranti che arrivano fin sul mare, gli scogli che proteggono l'altro versante. E' cambiato solo il mare: adesso è una distesa continua di frangenti spumeggianti che striano tutto di bianco, in perfette linee longitudinali che partono dal mare aperto e arrivano fino in spiaggia.
Ecco, torniamo ad Arkoudi nella giornata meno indicata dell'estate.
Quando il vento è più forte ed il mare è più arrabbiato.
Entriamo ad Arkoudi col cardiopalma. Facendo la gimcana tra le onde, evitando quelle più grosse, frenando per aspettare che passino, accelerando per sfuggire alle altre, scrutando dietro ogni collinetta liquida per scoprire se le successive ci franeranno addosso. Ho il batticuore. Ma arrivo a riva. E pure Mauro. Che però, quando sta per mettere il gps in sicurezza per lo sbarco, se lo vede strappare via di mano dall'ultima ondicella frangente: dovendo scegliere tra rovesciarsi ed agguantare al volo il gps, prevale l'automatismo di uno dei suoi appoggi da manuale e... addio al gps! Lo cerchiamo per un'ora, fino a quando non fa buoi completo, e poi ancora un paio d'ore domattina, ma niente, sembra svanito nel nulla, non galleggia e non è arrivato a riva, non è affondato e non si vede da nessuna parte tra le secche che si sono formate nella baia: il mare ha chiesto ed ottenuto la sua vittima sacrificale.
Festeggiamo così la chiusura del periplo del Peloponneso decisamente sottotono: solo dopo il secondo giro di tzipouro, in taverna, consideriamo che era un gps difettoso che ogni 2-3 giorni non prendeva più i satelliti ed andava in tilt per delle ore. Il nuovo sarà migliore!

Su e giù...
L'ingresso nella baia protetta di Arkoudi...
Il campo nello stesso punto del 26 giugno scorso...
Ecco fatto: abbiamo chiuso il periplo del Peloponneso!

Martedì 5 settembre 2017 - 114° giorno di viaggio
Arkoudi - Arkoudi (0 km)
Vento forte - mare mosso - 25°C
E niente. Finiamo per montare la tenda sulla spiaggia e per lasciarcela montata per l'intera giornata.
Ci rifugiamo nel locale sulla piazzetta centrale del paese che ci serve un ghyros tra i più gustosi dell'intero viaggio.
Davanti alla nostra tendina c'è un continuo via vai di coppie e singoli bagnanti e genitori con bambini che si recano in pellegrinaggio a scattare foto al mare in burrasca. I traghetti riescono ancora a partire e fanno la spola tra il Peloponneso e l'isola di Zante: ma noi non saremmo mai riusciti a raggiungere oggi il porto di Killini per prendere il traghetto per Zante e ripartire poi da lì alla volta dell'Italia.
Il vento è più forte di ieri, secondo le previsioni sempre molto precise ed attendibili raggiunge oggi il suo picco massimo.
Le onde ricoprono gli scogli fuori dalla baia di Arkoudi con treni frequenti, alti e ruggenti.
Noi ce ne stiamo tutto il giorno a terra, a riparo dalle raffiche violente che sollevano sabbia a tutto andare.
Festeggiamo la chiusura del periplo del Peloponneso seduti a tavola. Non male, dopo troppe giornate controvento!

mercoledì 30 agosto 2017

Questo è il viaggio degli incontri in mare!

Domenica 27 agosto 2017 - 105° giorno di viaggio
Kamaria - Pylos (22 km)
Vento NW 10-12 nodi (F3-4) - mare da calmo a poco mosso - 29°C
Dormiamo sulla paglia appena tagliata, col profumo del fieno che riempie la tenda.
L'ombra delle canne sorte sul ciglio della strada sterrata ci proteggono dal sole fino a tarda mattina.
La notte è stata "animata" dall'eco lontana di una discoteca e dal vociare vicino dei pescatori usciti a notte fonda con un barchino a motore. Rientrano quando noi partiamo. La spiaggia si è riempita delle "solite" coppie di tedeschi che restano in ammollo per delle ore, silenziosi e guardinghi come solo loro sanno essere. Nella baia non tira una bava di vento ma vediamo le ochette che già imbiancano il mare al largo.
Il capo massiccio e roccioso che si protende verso la vicina isoletta di Sapienza è striato da righe rosse orizzontali create dalla stratificazione di arenaria rosso-dorata e grigia: è molto bello pagaiare sotto le sue scogliere alte e verticali, fissi col naso all'insù alla ricerca di qualche inserto particolare, o come capita appena oltre la punta, di qualche faglia indurita che il vento ed il mare hanno reso una sequenza di spigoli.
E' bella anche la grande baia successiva di Methoni, il paese che insieme a Koroni vanta la fortezza veneziana più grande delle penisola di Messinia. La rocca di Methoni è gigantesca, tutta merli e torrette difensive e mura a picco sul mare. Finisce in mare. Un ponticello in pietra la collega ad una torre spettacolare a base ottagonale e a tre piani con cupola finale, tutta in pietra di arenaria gialla e con i merli ancora quasi tutti intatti. E' molto suggestiva la posizione e le fotografie aeree che abbiamo visto nei giorni precedenti non rendono al meglio la bellezza di questa torre in mezzo al mare, abbarbicata ad un gruppo di scogli taglienti sui quali è impossibile sbarcare ma attorno ai quali si gode una panoramica unica. Pagaiamo per qualche lungo momento nella storia dell'occupazione veneziana della regione di Messinia, della successiva occupazione ottomana e della riconquista seppure breve della Serenissima, che vedeva nelle due fortezze di Koroni e Methoni le porte d'accesso al Mar Adriatico, grazie alle quali garantire la protezione delle rotte commerciali tra Venezia ed il Levante ma anche delle rotte dei pellegrini verso la Terrasanta (in una direzione contraria a quella attuale, a dimostrazione che le migrazioni umane ci sono sempre state, sempre ci saranno e mai si fermeranno!).
Ci lasciamo la torre di Methoni alle spalle e proseguiamo lungo le alte mura di fortificazione del resto del castello, in parte sbriciolatesi in mare per l'evidente attacco del tempo, delle intemperie e dell'incuria, ma in parte ancora ben conservate, con case matte e torrette e bastioni in ogni dove.
Se la baia di Methoni, affacciata su una piccola isoletta di arenaria stratificata, è fitta di barche in rada e di stabilimenti balneari sulla lunga spiaggia di sabbia ramata, oltre la torre e lungo la costa non incontriamo nessuno: sarà perchè non ci sono più punti di sbarco fino a Pylos, 15 chilometri più a nord, sarà perchè il mare crea sotto la scogliera rocciosa una lavatrice impostata sul programma "delicati" che però ci sbatacchia di qua e di là per tre ore piene, sarà perchè la domenica i "cafonauti" non si allontanano troppo dal porto principale, ma insomma noi ci ritroviamo da soli in mare: e non è affatto male!
La dorsale montuosa che corre tra Methoni e Pylos si allunga in una serie di ravvicinate colline di forma conica che prendono a salire man mano che procedono verso nord: la più alta e la più settentrionale è incoronata da otto pale eoliche che sembrano una coroncina bianca animata dal vento, visibili anche da notevole distanza. E' un punto cospicuo notevole, l'ultimo monte a ridosso di Pylos, ed il portolano segnala anche le diverse formazioni nuvolose che si addensano intorno al suo picco per riuscire a prevedere le condizioni meteorologiche dei giorni successivi.
Quando noi entriamo in paese, il monte è privo di nuvole, coperto di una fitta macchia mediterranea ed avvolto solo dai fischi di tre ragazzi che si dilettano a testare la cassa di risonanza naturale formata dal versante concavo ed aperto ad anfiteatro sul mare. Poco oltre si innalza un altro castello, questo a base esagonale con quattro torrette difensive, sempre di origine veneziana anche se costruito su precedenti fortezze bizantine, come è accaduto anche per molte chiese del luogo.
Pylos è un paesino di villeggiatura che si affaccia sull'ampia baia di Navarino, famosa per essere stata teatro sul finire dell'Ottocento dell'ultima grande battaglia navale combattuta esclusivamente con barche a vela, quella tra l'impero ottomano capitanato da Ibrahim Pascià e l'alleanza franco-russo-britannica accorsa in aiuto dei partigiani greci che da tempo cercavano di riconquistare l'indipendenza del loro piccolo paese: la battaglia navale deve essere stata davvero importante perchè qui ne parlano tutti, pure i monumenti della piazzetta centrale adornata da platani secolari piantati da alcuni capitani greci in qualche modo coinvolti proprio in quella battaglia cruciale della guerra di indipendenza greca (e che sortì esiti così diversi per i paesi alleati, come abbiamo scoperto su Wikipedia: i russi cercavano un possibile sbocco al Mar Mediterraneo ma dovettero presto rinunciare all'idea, i francesi premiarono il capitano della flotta col titolo di Ministro della Marina, mentre gli inglesi non furono affatto contenti della condotta pur vittoriosa del loro capitano ed arrivarono a sfiduciarlo - pare perchè interessati più a tenersi l'impero ottomano alle porte di casa piuttosto che a sconfiggerlo - al punto che la famosa battaglia di Navarino pare sia l'unica vittoria navale che la Royal Navy non ha mai festeggiato!).
La baia di Navarino è un'ansa naturale quasi perfettamente circolare protetta dal mare aperto da un'isoletta lunga-lunga e stretta-stretta, Sfaktiria, che chiude quasi interamente la baia da nord a sud, lasciando giusto un passaggio tra la costa e l'ultima sua propaggine rocciosa, una piccola isoletta staccata e caratterizzata da un altissimo arco naturale e qualche faraglione all'intorno.
L'ingresso dal mare a Pylos è molto suggestivo ma una volta in porto svanisce tutta la magia: l'odore è nauseabondo e non c'è neanche l'ombra di uno scivolo sul quale adagiare i nostri due piccoli panfili. Stiamo quasi per rinunciare quando scorgiamo l'ingresso di un secondo porticciolo turistico, segnalato da una luce verde e rossa (questa non funzionante!) e dotato, questo si, di uno scivolo di cemento, scivolosissimo ma utilissimo.
Sbarchiamo sotto lo sguardo incuriosito del proprietario di Baronessa Volante, un bella barca a vela tirata in secca sugli invasi proprio accanto al "nostro" scivolo: Giovanni è un simpatico velista settantenne padovano che ci accoglie con tutti gli onori e ci offre tutto quel che ha, corrente elettrica per ricaricare il laptop, acqua fresca per dissetare gli assetati e persino un sigaro toscano "Garibaldi" che Mauro già pregustava alla sola vista delle belle scatole verdi perfettamente impilate sul tavolino all'ombra.
Ce la raccontiamo fino a notte fonda!

Il campo all'ombra sulla spiaggia di Kamaria...
Lungo la penisola di Messinia...
Il capo striato di rosso che si protende verso l'isola di Sapienza... 
La splendida torre di Methoni
Le mura dell'antica fortezza veneziana...

Lunedì 28 agosto 2017 - 106° giorno di viaggio
Pylos - Paralia Voidhokilia (9 km)
Vento NW 12-15 nodi (F4) - mare mosso - 28°C
Il sole arriva tardi nel porticciolo turistico di Pylos.
Arriva prima il proprietario della barca a vela rossa accanto alla quale abbiamo montato la tenda.
E' un tedesco sposato con un'italiana di Udine, amico di Giovanni: prima di accendere il compressore per gonfiare le ruote del carrello su cui è adagiata la sua barca ci chiede scusa del disturbo e quasi tentenna ad iniziare i lavori di ripristino del suo piccolo veliero.
Noi impieghiamo qualche lungo minuto per riuscire ad aprire gli occhi. Abbiamo tirato l'una e mezza di notte a forza di chiacchierare con Giovanni e non abbiamo poi dormito tanto, almeno non così tanto come sembrano richiedere i ritmi di campeggio nautico qua attorno al Peloponneso.
Giovanni è già al lavoro: oggi è la giornata dedicata alla verniciatura dell'anti-vegetativa.
Baronessa Volante è qui a Pylos da tre anni. Giovanni l'ha costruita da solo in due anni, lavorandoci il sabato e la domenica e forse dopo il lavoro. Era già arrivato da Padova a Pylos scendendo l'Adriatico ed attraversando più volte lo Ionio con una piccola barca di sei metri con un'unica vela al terzo (spero di ricordare bene il nome: insomma una specie di vela latina trapezoidale in cui ogni lato è un terzo dell'altro, come ci ha prontamente spiegato Giovanni!). Poi però a casa senza barca non ci sapeva stare, lui che è un velista da oltre quarant'anni, e allora ne ha costruita un'altra, Baronessa Volante per l'appunto, un due alberi di dieci metri in compensato marino con un pozzetto particolare che permette a Giovanni di veleggiare in solitaria. Così è tornato a Pylos, ha lasciato qui Baronessa Volante, se n'è ritornato a casa con la sua prima barchetta a vela (cioè, tipo robe da Guinness dei Primati, mica poco!), e pensando di dover un giorno o l'altro affrontare il Mar Egeo ha deciso di apportare delle modifiche allo scafo di Baronessa Volante: un lavoro che a casa gli avrebbe richiesto un paio di settimane e che qui s'è trasformato in una sosta forzata di tre anni. In porto. Sugli invasi. Che forse tra due giorni non ci saranno più: dopo la mano di anti-vegetativa, la barca è finalmente pronta per riprendere il mare e Giovanni non sta quasi più nella pelle. E' tale e tanta la sua passione che ci attacca un po' della sua agitazione e non vediamo l'ora di sapere come è andato a finire il secondo varo di Baronessa Volante.
Il porticciolo turistico di Pylos è in realtà un porto fantasma: la ditta che l'ha costruito è fallita, non c'è nessuno che l'ha rilevato e che se ne occupa, le banchine sono usate liberamente dalle imbarcazioni di passaggio ma anche da alcuni piccoli pescherecci locali, ovunque crescono erbacce alte anche un paio di metri e in tutta questa autogestione disorganizzata stona il locale circolo velico che in tre container ospita decina di derive e laser su cui si allenano quotidianamente i ragazzini pestiferi di Pylos. In porto però c'è l'acqua dolce potabile, la luce elettrica e persino il servizio di rimessaggio e gru, per cui dopodomani dovrebbe essere il gran giorno: Baronessa Volante prenderà prima il volo sulle fasce issate dalla gru e poi il mare aperto sotto la guida attenta ed esperta di Giovanni. Che ha già grandi programmi: andarsi ad ormeggiare per il resto delle sue vacanze greche dall'altra parte della baia di Pylos, a tra miglia di distanza dal porto, e restare lì a non fare più niente!
Mentre ci racconta questi ed altri aneddoti della sua barca e della sua città d'adozione, vediamo sbarcare sul "nostro" stesso scivolo di alaggio un piccolo gruppo di quattro kayak colorati, due singoli rossi e due doppi gialli. Tornano dall'escursione guidata in kayak a Sfaktiria, l'isola che chiude la baia di Navarino, ed il ragazzo sorridente che scende per primo si presenta come uno dei due titolari di ExploreMessinia, un centro di attività all'aria aperta con base nella cittadina di Kalamata (che offre non solo attività di pagaiate in mare ed in fiume ma anche escursioni a piedi nella regione). Trifonas, questo il nome tipicamente greco del nostro nuovo amico, ci dice subito di aver notato i nostri kayak sin dal primo mattino e di aver pensato per tutto il tempo al modo per incontrarci e per conoscerci: niente di più facile, siamo rimasti tutto il tempo sul molo a parlare fitto fitto con Giovanni di viaggi in kayak e a vela. Quando Trifonas attacca a parlare in inglese di tutto quello che organizzano con la loro giovane società, l'interesse si sposta di nuovo sul kayak e su Messinia!
Insomma, la nostra giornata di navigazione si riduce ad una giornata di riposo, di chiacchiere e di incontri di mare!
Un paio d'ore appena ed arriviamo a Voidhokilia: era dall'inizio del viaggio che speravo di sbarcare qui, da quando ho visto su un libro dedicato alla Grecia vista dal cielo la foto aerea di questa bella baia circolare... E Mauro mi ci ha portato. Abbiamo impiegato quasi quattro mesi, ma alla fine ci siamo arrivati!

Verso Pylos...
L'isolotto a sud dell'isola di Sfaktiria che chiude la baia di Navarino...
Il castello di Pylos...
Cena a base di ghyros nella pizzetta centrale di Pylos...
Con Giovanni Corona all'ombra di Baronessa Volante!
Insieme a Trifonas di ExploreMessinia!

Martedì 29 agosto 2017 - 107° giorno di viaggio
Paralia Voidhokilia - Lagouvardos (20 km)
Vento W-NW 10 nodi (F3) - mare poco mosso - 27°C
Questa grande baia è un vero spettacolo della natura!
Specialmente quando se ne vanno tutti e noi restiamo soli.
Le stelle brillano insieme alla mezza luna, i grilli cantano tra le dune, la risacca del mare risuona regolare nella notte.
Siamo già lontanissimi dalla vita di città, anche se siamo ancora molto vicini in linea d'aria a Pylos, che ci ha dato l'impressione di essere una delle città più caotiche e frenetiche dell'intera Grecia, col traffico congestionato intorno alla piazzetta centrale e con gli automobilisti stressati già a fine agosto (alcuni han preso addirittura a suonare il clacson, attività sconveniente e quasi dimenticata, se non proprio vietata a queste latitudini!).
Insomma ci godiamo il ritorno alla natura.
La laguna retrostante è la zona umida più grande della Grecia e la più meridionale di tutta l'Europa: stamattina stazionano in mezzo allo stagno un paio di grandi comunità di fenicotteri rosa ed ovunque volano aironi e cormorani e cornacchie e aquile reali, che già ieri avevamo avvistato dal mare. La duna che divide la laguna dalla baia è alta abbastanza da offrire una visuale sull'intera regione, sia verso l'interno che verso il mare aperto. La baia è poi la vera attrazione della zona: le foto panoramiche non sono sufficienti a far comprendere la straordinaria atmosfera che si respira sulla spiaggia, una grande cala circolare racchiusa tra due alte scogliere rocciose, quella a sud sormontata da un altro castello veneziano tutto merlato. La sabbia è fine e dorata, con i sedimenti rosa che la rendono in tutto simile a quella super-protetta di Budelli nell'arcipelago sardo della Maddalena, ma qui tutti ci camminano sopra avanti e indietro in lunghe e lente transumanze umane che iniziano al mattino presto e terminano alla sera tardi, anche oltre l'ora del tramonto, quando tutta la baia è ormai in ombra o addirittura avvolta dall'oscurità.
Stanotte siamo rimasti da soli: gli unici a dormire in tenda sotto il ginepro coccolone più alto ed ombroso della duna.
Stamattina non siamo più soli: ad ondate successive arrivano bagnanti e turisti su ogni mezzo, una famigliola persino in bicicletta, anche se poi c'è quello col fuoristrada che si avventura tra le dune per parcheggiare a due passi dal mare (!)
Il sole è arrivato tardi a svegliare Mauro, verso le nove, ma io ero già in giro sin dalle sette del mattino: elettrizzata all'idea di essere qui!
Ho scattato millemila fotografie da tutte le possibili angolazioni, incurante del controluce o della scarsa visibilità... Ne fosse uscita una decente!
Devo comprarmi un nuovo obiettivo, di quelli che ti ci fanno entrare tutto il mondo, nelle foto!
Partire non è facile ma gli schiamazzi crescono a ritmi vertiginosi.
Prendiamo il mare all'ora di pranzo, lasciando alle nostre spalle due strisciate profonde sulla sabbia di Voidhokilia.
La costa a nord è bassa e rocciosa, anonima e punteggiata di casette di villeggiatura.
Non ci sarebbe molto altro da dire sul resto della giornata, se non che sia alla pausa pranzo (con insalata greca e patate al forno servite direttamente sulla spiaggia!) e sia allo sbarco serale capitiamo in due calette che sembrano la copia in miniatura della grande ed originale Voidhokilia. Che però rimane ineguagliabile: la prima, chiamata Vromoneri, è più piccola ed incassata tra scogliere più basse, senza il castello storico ma con delle ville moderne, la seconda è più aperta e bassa, senza rocce a proteggerla ai lati e con due stabilimenti balneari. Ma la musica è portata via dal vento (sempre contrario per l'intera giornata!) e noi ci sistemiamo sotto un terzetto di ginepri per ripararci dall'umidità incipiente.
Appena cala il sole, con un'ora di anticipo perchè scompare dietro nuvole spesse, noi montiamo la nostra casetta e anche per questa notte ci godiamo la vita all'aria aperta...

Pagaiando verso l'uscita nord della Baia di Navarino...
La fortezza veneziana della Baia di Voidhokilia!
La Baia di Voidhokilia: la spiaggia dei miei sogni...
In navigazione verso nord, sempre controvento...
I ginepri protettori del campo a Lagouvardos...
Temporale estivo e trombe d'aria all'orizzonte...

Mercoledì 30 agosto 2017 - 108° giorno di viaggio
Lagouvardos - Lagouvardos (0 km)
Vento S variabile - mare calmo - 22°C
Non pensavamo proprio che la penisola di Messinia fosse tanto bella, forse perchè dopo aver esplorato quelle più famose e turistiche di Monemvassia e del Mani credevamo che il Peloponneso non avesse più molto altro da offrirci.
Invece ci riserva spiagge idilliache, panorami mozzafiato e temporali indimenticabili!
La notte è stata umida ma senza altre particolari note di colore. La mattina, invece, inizia sotto un temporale estivo in piena regola.
Faccio giusto in tempo a svegliarmi, uscire dalla tenda, recuperare dal gavone di Mauro il telo esterno, montarlo e rientrare: alle nove è il finimondo.
Il cielo nel frattempo s'è completamente oscurato: l'isola di fronte, Proti, che fino a pochi minuti prima interrompeva la linea di separazione tra mare e cielo col suo profilo irregolare e verdognolo, scompare dietro un fronte nuvoloso che prima procede da sud, spinto da venti forti e costanti, e poi muove invece in direzione opposta, da nord, respinto da altri venti contrari ma altrettanto violenti. Dalle montagne crescono nuvoloni paffuti, sempre più alti e corposi, ed il rombo lontano dei tuoni si avvicina ogni minuto di più, tanto che i lampi più forti si scatenano proprio sulla nostra tenda.
Non è tanto la pioggia a preoccuparmi, che pure ha bagnato tutta la spiaggia lasciando piccole fossette sulla sabbia prima dorata e soffice ed ora scura e compatta. Non sarebbe neanche la grandine a inquietarmi, che arriva all'improvviso e cade in mare come fosse fatta non già di acqua ma di pietre, tanti piccoli macigni che precipitano in mare e che sollevano corone d'acqua sempre più grosse e sempre più frequenti, come se ci fosse qualcuno che ha preso a lanciare dardi che perforano l'acqua con estrema violenza. I temporali estivi sono sempre stati la mia passione e mi ricordo come fosse ieri quando correvo fuori casa per bagnarmi dell'acqua calda che cadeva giù dal cielo (e che in altri periodi dell'anno restavo a guardare da dietro i vetri delle finestre ben chiuse!): in estate è tutto caldo, l'aria, l'acqua, la terra. Non mi impensierisce il temporale, non mi spaventano i tuoni, non mi fanno saltare di paura i lampi che pure esplodono sulle nostre teste. Quello che però non avevo previsto e non mi piace affatto ritrovarmi nel campo visivo, quando mi affaccio per l'ennesima volta dall'abside della tenda, è la doppia tromba d'aria che si forma in mezzo al mare, proprio davanti ai nostri due piccoli panfili. Un perfetto cono rovesciato che solleva alti spruzzi alla base e che si ingrandisce sempre più alla sommità, tanto che quando si forma la seconda tromba d'aria verso nord, la prima sembra già un tornado di proporzioni gigantesche. Un incontro ravvicinato con una doppia tromba d'aria a pochi giorni dalla fine del viaggio me lo risparmierei proprio volentieri. E le due trombe si muovono di pari passo, in parallelo, facendo il vuoto all'intorno.
E dentro il mio pancino. Vuoto pure quello. Siamo rimasti digiuni.
Mauro si sveglia quando è ormai suonato da un pezzo mezzogiorno, del tutto incurante del temporale che ha schiacciato la tenda e del timore con cui io ho seguito l'evoluzione meteorologica. Non s'è svegliato neanche alle mie urla di giubilo prima e di inquietudine poi...
Dopo più di tre ore di pioggia, grandine e vento, in cielo si apre un timido spiraglio di sole e noi ci avventuriamo fuori dalla tenda.
Proviamo ad andare a fare colazione in uno dei bar sulla spiaggia ma tutti e due gli stabilimenti balneari hanno subìto danni dal maltempo appena trascorso: ombrelloni divelti, materassi inzuppati d'acqua, cabine rovesciate e soprattutto mancanza di corrente. Sfuma la possibilità di avere un caffè frappè e anche la speranza di poter tornare per un pranzo/cena a metà/fine pomeriggio. Dobbiamo arrangiarci con le scorte di kayak: rientriamo nella nostra casetta verde, al riparo dei tre ginepri coccoloni, e svuotiamo l'intera cambusa, mangiando fino a sera.
Approfittiamo della sosta forzata per aggiornare il blog, dando fondo alle ultime scorte di batterie e ricariche solari.
Riprende a piovere e benediciamo la scelta di restare: se avessimo ripreso a pagaiare, ci sarebbe toccato uno sbarco sotto un secondo temporale estivo!